Dreamworld – Katy, Lupo and me

Il romanzo in questione già lo conoscete, ma questa volta l’ho pubblicato in lingua inglese in tutti gli store. Formati disponibili: ebook e cartaceo. Quindi, per Dreamworld, inizia una seconda avventura.

Sto proseguendo con la stesura del seguito di questo romanzo e spero che vi piacerà.

Donovan is sixteen years old, and one day he suddenly realizes he has a special power: he can foresee people’s deaths in his dreams. That’s not all. His dog, Lupo, begins to talk and soon after, both of them notice the strange invisible presence of Katy, a young lady who died a tragic death some time ago. All three of them decide to use Donovan’s powers to intervene in time and save those who are about to be killed. On one of these occasions, Donovan gets kidnapped by a mysterious Agency that recruits Dreamers. These Dreamers are able to find out in advance how and when these wicked crimes will take place. In the Agency Donovan meets Mark Collins, its Coordinator, his men and Lucy, a Dreamer with whom he becomes very friendly. The Agency’s objective is clear: to monitor the Dreamer’s dreams (who can at times dream the same event, called “crossed dreams”) and take action immediately, with the help of the police and other special forces, to prevent the tragedy.

La cisterna

Oggi voglio parlarvi di una bella lettura che ho fatto di recente.

La cisterna, scritto da Nicola Lombardi.

Edito da Dunwich Edizioni.

204 pagine.

Ebook 3,99 Euro

Cartaceo 9,40 Euro

Trama:

Nuovo Ordine Morale. Una feroce dittatura militare. Un nuovo sistema carcerario estremo in cui le Cisterne rappresentano il terribile strumento per una radicale epurazione della società. Giovanni Corte, giovane pieno di speranze, conquista l’ambito ruolo di Custode della Cisterna 9, nella quale dovrà trascorrere un anno. E comincia così per lui un cammino – inesorabile, claustrofobico, allucinante – lungo gli oscuri sentieri dell’anima umana, verso il cuore buio di tutti gli orrori che albergano fuori e dentro ciascuno di noi.

Intanto ci troviamo in Italia, con il Nuovo Ordine Morale che gestisce e governa il nostro paese. Giovanni Corte è diventato il custode della cisterna numero 9. Il suo ambito incarico lo porterà per dodici lunghi mesi a vivere e gestire questa “straordinaria” struttura, totalmente isolato dal resto del mondo. Se amate immergervi in totale simbiosi con il personaggio principale, all’interno di un caleidoscopio suggestivo di paure, timori, ossessioni, speranze, beh, questo libro farà per voi. Lo stile lo definirei riflessivo, che va a marcare le mille sfaccettature del custode della Cisterna. Giovanni è un personaggio tridimensionale, con pregi e difetti. Mi è piaciuto molto. Si tratta di un romanzo potente, in grado catturare il lettore e trascinarlo nell’oblio e nell’orrore in cui versa il nostro paese in questa storia. Inoltre, volevo sottolineare la bravura dell’autore, nell’aver reso tangibili quelle sensazioni provate da tutti personaggi del romanzo. Il finale non è scontato affatto. Consigliatissimo.

La rosa bianca

L’ultimo romanzo letto questa settimana è La Rosa Bianca, scritto da Barbara Poscolieri e Nicoletta Plotegher.

Si tratta di un romanzo di genere Fantasy e tratta di pirati.

Plesio Editore.

329 pagine, cartaceo.

14,50 Euro.

Ecco la quarta di copertina:

Da quando è morta Myrien le azioni di Kilian, capitano pirata, sembrano guidate dalla follia. Segue rotte misteriose e si lancia in avventure pericolose che mettono sempre più a rischio i suoi uomini, fino quando non perde la fiducia dell’equipaggio. L’ammutinamento segna la fine dei suoi giorni da capitano, ma forse la Rosa Bianca li ha già portati dove voleva: in un altro mondo, all’inizio di una nuova avventura per ricondurre a casa la sua amata.

Intanto si tratta di una storia scritta a quattro mani, ma a me è sembrato che fosse solo un’autrice a scriverlo, quindi sono riuscite ad amalgamare due stili in uno solo.

Come ho scritto prima, in questo romanzo si parla di pirati, di magia, amicizia e amore, mondi nuovi da scoprire insieme ai tanti personaggi che popolano queste pagine.

La struttura del romanzo segue due punti di vista differenti, che si alternano: Kilian, che ha scritto un diario narrando ciò che gli accadeva, e altri personaggi (l’equipaggio della Rosa Bianca). Il fatto di aver diviso così il romanzo, mi ha fatto apprezzare di più lo svolgimento della trama, soprattutto quando ci troviamo a vivere incontri e avventure molto interessanti.

L’inizio è molto avvincente, non appena avviene l’ammutinamento della ciurma del Capitano Kilian. La Rosa Bianca, un brigantino pirata simile a quelli che solcavano i mari nel nostro passato, viene descritto talmente bene, da sembrare di vivere in coperta fra sartie e vele, assieme all’equipaggio della nave. Ho notato che hanno studiato minuziosamente i termini marinareschi, rendendo le descrizioni più verosimili.

I nuovi posti, città, foreste e coste che andremo ad ammirare (ho scelto questo termine perché credo sia il più azzeccato), ci lasceranno a bocca aperta per l’originalità e per le tante descrizioni senza annoiare me, lettore incuriosito.

Inoltre leggerete un finale degno dei migliori libri di avventure che avrete letto in questo periodo, almeno a me ha dato molto, lasciando soddisfatto di aver viaggiato fra le pagine di questo bel romanzo.

Insomma, credo sia un romanzo che consiglio sia agli amanti del genere Fantasy, sia a coloro che cercano una storia intrigante da leggere sotto l’ombrellone, visto che siamo in agosto.

Buone letture a tutti.