Dreamworld – Katy, Lupo and me

Il romanzo in questione già lo conoscete, ma questa volta l’ho pubblicato in lingua inglese in tutti gli store. Formati disponibili: ebook e cartaceo. Quindi, per Dreamworld, inizia una seconda avventura.

Sto proseguendo con la stesura del seguito di questo romanzo e spero che vi piacerà.

Donovan is sixteen years old, and one day he suddenly realizes he has a special power: he can foresee people’s deaths in his dreams. That’s not all. His dog, Lupo, begins to talk and soon after, both of them notice the strange invisible presence of Katy, a young lady who died a tragic death some time ago. All three of them decide to use Donovan’s powers to intervene in time and save those who are about to be killed. On one of these occasions, Donovan gets kidnapped by a mysterious Agency that recruits Dreamers. These Dreamers are able to find out in advance how and when these wicked crimes will take place. In the Agency Donovan meets Mark Collins, its Coordinator, his men and Lucy, a Dreamer with whom he becomes very friendly. The Agency’s objective is clear: to monitor the Dreamer’s dreams (who can at times dream the same event, called “crossed dreams”) and take action immediately, with the help of the police and other special forces, to prevent the tragedy.

Dreamworld 2 – Terza parte

dav

Via di Borgo Pio – Quartiere Prati – Roma

Stefano Terlizzi percorse alcune piccole vie fino a raggiungere Borgo Pio, una delle più frequentate dai turisti. Bar, locali e negozietti di souvenir gli sfilavano ai lati. Molte persone si fermavano a fare fotografie, a parlare, o per sbirciare i menù appesi fuori dai locali.

Giunto di fronte a un’antica fontana, continuò fino all’osteria aperta da pochi mesi. L’insegna affissa al muro diceva: Trattoria dal Tenente.

Roberto Cavia era il proprietario del locale, un uomo dalla stazza enorme. Era alto un metro e novanta, calvo e occhi azzurri, ma con un viso che traspariva fiducia. A volte le apparenze ingannano. Spesso indossava una mimetica e magliette verde militare. Dopo una vita passata sotto le armi, aveva deciso di congedarsi e mettersi in proprio. A volte accettava lavori rischiosi per condividerli con alcuni suoi vecchi compagni. Aveva sempre amato fare missioni, anche perché gli consentiva di mettere da parte molti soldi. Inoltre, sentirsi scorrere l’adrenalina in corpo, era una sensazione a cui non poteva rinunciare.

Stefano entrò nel locale e vide Roberto di spalle, mentre sistemava alcuni bicchieri su degli scaffali. Tutte le sedie erano rovesciate e appoggiate sopra ai tavoli.

Oggi siamo chiusi.” disse Roberto senza voltarsi.

Buongiorno Tenente.” lo salutò Stefano. A una delle pareti, quella più interna, c’era uno specchio appeso, di forma rettangolare e lungo quanto la parete. I due si osservarono attraverso il riflesso dello specchio.

Ma che bella sorpresa, investigatore. Come mai da queste parti?” disse Roberto. Prima di girarsi sistemò gli ultimi bicchieri appena asciugati.

Si diedero la mano con una stretta vigorosa.

Passavo da queste parti e sapevo che oggi è giorno di chiusura.”

Un giorno a settimana, così faccio riposare gli altri.” Roberto prese due sedie e le mise a terra, poi fece il gesto di accomodarsi. “Se aspetti un paio di minuti, ti preparo un buon caffè, come piace a te.”

Andrebbe bene anche un po’ d’acqua.” gli rispose Stefano già seduto sulla sedia.

Perfetto, il caffè lo faccio per me, ne ho una gran voglia.” Roberto entrò in cucina. Dopo qualche minuto tornò in sala portando un vassoio con un caffè, una bottiglia d’acqua e un bicchiere. Posò tutto sul tavolo e si mise seduto di fronte a lui.

Ho bisogno del vostro aiuto.” disse Stefano schietto, sincero. Prese l’acqua e la buttò giù in tre sorsi. Forse era meglio chiedergli del Whisky, pensò.

Roberto si massaggiò il pizzetto e chiese: “Di che tipo? Finanziario, oppure…”

Oppure.” gli rispose interrompendolo.

Va bene, hai la mia attenzione. Di che si tratta?”

Stefano non sapeva come dirglielo. Non voleva rivelargli del sogno, perché gli avrebbe consigliato di cercarsi uno psichiatra, uno bravo. “A Piazza Risorgimento dobbiamo controllare delle persone. Mi servono uomini, armi e mezzi.”

Dreamworld 2 – Seconda parte

dav

Gloria lo guardò perplessa. Fra i due era quella che più gli dava credito, non solo perché si trattava di suo fratello, ma anche perché non lo aveva mai visto ridotto in quello stato. “Potrebbe trattarsi di un sogno premonitore.” tentò di giustificarlo.

“So che è difficile da credere” disse Stefano. Prese la tazzina di caffè e lo bevve in due sorsi, poi si pulì la bocca con un fazzoletto. “ma ho le prove di quello che succederà questa sera.”

“A quali prove ti riferisci?” chiese Emanuele, anche Gloria parve incuriosita dalle ultime parole.

“Vedete quel gruppo di tende laggiù, oltre l’edicola?”

Entrambi si girarono in quella direzione. Videro parte delle transenne e l’apice delle tende bianche montate in piazza. Da quella distanza potevano osservare anche gli uomini della sicurezza privata.

“E con questo?” chiese Emanuele sorridendo.

Stefano guardò il cielo, stizzito. “Sentite, tutta quella roba montata laggiù ieri non c’era. Nessuna transenna, neanche l’ombra di una sola tenda.”

Gloria gli afferrò una mano delicatamente, guardandolo sempre negli occhi. Gli voleva stare vicino in quel momento, magari trasmettergli affetto.

“Eppure” continuò Stefano osservando sempre quella parte della piazza, “tutte quelle tende io le ho viste nel sogno.”

“Le hanno montate questa mattina.” constatò Emanuele sempre divertito.

“Il sogno l’ho fatto qualche ora fa, quando in piazza non c’era nulla. Possibile che non ci arriviate.”

“Va bene.” disse sua sorella, “Ammettiamo che sia tutto vero, che quello che hai sognato accadrà questa sera, che cosa vuoi fare?”

“Salvare quelle persone” ci pensò qualche secondo, “e capire cosa hanno in mente quelli oltre le transenne.”

Giunse un autobus e della gente scese a terra, altre persone salirono sul mezzo pubblico. “Che cosa c’entrano quelli laggiù?” chiese Emanuele, indicando l’accampamento di tende.

“Intanto, quelli della sorveglianza non sono italiani. E nel sogno, dopo aver visto morire quei due disgraziati, sono entrato in quelle tende.”

“Davvero?” chiesero in coro Gloria ed Emanuele.

“Davvero. C’erano delle strane casse di legno. Non so che cosa ci fosse dentro, ma lo voglio scoprire.”

“Se mi date qualche minuto, chiamo il mio contatto al Comune. Possiamo controllare tutti i permessi che hanno richiesto.” disse Emanuele, tirando fuori il cellulare dalla giacca.

Stefano gli sorrise compiaciuto: “Ottima trovata!” e lo guardò alzarsi dalla sedia.

Gloria e suo fratello rimasero soli. Non si dissero nulla, il brusio della gente agli altri tavoli e il rumore del traffico li aiutò a riflettere.

“Come pensi di entrare lì dentro? Hai visto in quanti sono a controllare il perimetro?” Gloria si ammutolì di nuovo, il suo sguardo era diretto al semaforo pedonale della piazza. Immaginò due persone correre sulle strisce e un cofano di un’auto che impatta contro i loro corpi. Le vennero i brividi. “Come farai a salvare quelle due vite?”

Stefano non le rispose subito ma sorrise per quelle domande che aveva fatto, mentre con il cucchiaino toglieva la schiuma sul bordo della tazzina vuota.

“Domande interessanti” ammise Stefano, “intanto non saremo da soli questa sera.”

“Vuoi chiedere aiuto a Roberto?”

“E’ la cosa migliore da fare. Ci hanno aiutato molte volte nei casi difficili.”

“Già.” ammise la sorella.

Emanuele si sedette al suo posto e poggiò il telefono sul tavolino. “Hanno tutti i permessi in regola.”

Lo sospettavo.” borbottò Stefano, guardando Gloria negli occhi.

Ufficialmente devono fare delle riprese esterne questa notte. Hanno una vigilanza privata estera.”

Molti sono russi.” aggiunse Stefano.

E tu come lo sai?” gli chiese Gloria, sistemandosi una ciocca di capelli davanti agli occhi.

Stefano sospirò, poi disse: “Perché ho superato quelle dannate transenne, sono entrato in alcune tende e nessuno mi ha visto, nessuno mi ha fermato.”

Emanuele si avvicinò con la sedia, appoggiando i gomiti sul tavolo e, per qualche attimo, studiò l’espressione di Stefano. “Come diavolo fai a sapere che sono russi?”

Li ho sentiti parlare. Alcune parole erano russe, quindi sono russi.”

Va bene” s’intromise Gloria, “adesso come ci muoviamo?”

Voi due andate in ufficio, dobbiamo contattare quel cliente…”

Si chiama Russo, Marco Russo!” lo aiutò Emanuele, poi scoppiò a ridere. Anche Gloria non riuscì a trattenersi, finché Stefano sorrise. Era teso ma quel gioco di parole lo aveva aiutato a rilassarsi un po’.

Ci vediamo dopo.” disse a entrambi. Stefano li guardò allontanarsi, dopo si alzò per pagare il conto.

Dreamworld 2 – Prima parte

In questi giorni ho preso una decisione: pubblicare sul blog una parte del primo capitolo di Dreamworld – Sean Balducci. Non ci saranno spoiler per chi non avesse letto il primo libro, promesso. L’ambientazione è nuova e si tratta di Roma, almeno alcuni quartieri della zona Prati.

IMG_20170507_170250

Perché ho fatto questa scelta? Molti anni fa, quando gestivo un blog su Splinder, mi piaceva scrivere e intrattenere i lettori del blog.

Buona lettura.

Piazza Risorgimento – Roma.

Stefano Terlizzi era irrequieto. Stava fermo sul marciapiede, quello più vicino a Piazza San Pietro, e osservava le persone attraversare le strisce pedonali.

Una parte della piazza, quella oltre l’edicola, era recintata per tutto il perimetro. Numerose transenne ne impedivano il passaggio. C’erano guardie private a ogni lato.

Stefano sapeva cosa ci fosse nelle tende montate a circolo. Aveva tutte le sembianze di essere un set cinematografico. In quella piccola porzione di piazza, c’erano persone vestite da medici dell’OMS e quelle tende bianche, sigillate da teli di plastica trasparente, contenevano delle strane casse di legno.

Stefano Terlizzi aveva trent’anni, alto uno e settanta e aveva i capelli rossi e ricci. Era un investigatore privato, con una sua agenzia con sede lì vicino. Stava aspettando che lo raggiungessero la sua socia e un collaboratore. Indossava un paio di jeans, una camicia blu e un paio di scarpe ti tessuto blu.

Scusa il ritardo.” disse Gloria alle sue spalle. Insieme a lei c’era Emanuele.

Anche se sei mia sorella e ti ho chiesto di venire il prima possibile…”

Ti sei svegliato male questa mattina?” lo interruppe Emanuele.

Malissimo!” rispose secco Stefano.

Altre persone si avvicinarono alla fermata dell’autobus 23. Aveva scelto di aspettarli in quel punto per non dare troppo nell’occhio. Mentre fingeva di aspettare l’autobus, Stefano voleva osservare da lontano ciò che succedeva vicino alle transenne.

Questa sera pioverà, ci sarà un temporale e forti raffiche di vento.” disse Stefano voltandosi verso sua sorella e il suo collaboratore.

Si guardarono in faccia e scoppiarono a ridere.

Chi diavolo sei, un meteorologo?” chiese Emanuele. Entrambi alzarono la testa, costatando che il cielo fosse solo parzialmente coperto. Nuvole bianche si spostavano pigre verso le mura vaticane. Era piacevole stare al sole in quei giorni primaverili.

Che ne dici se ci sediamo a quei tavolini” disse Gloria, “ordiniamo quello che ci pare e ci spieghi quello che ti è successo. Giuro, non ti ho mai visto così… strano.”

Ottima idea.” disse Emanuele.

Stefano rimase in silenzio e li seguì senza opporsi.

Tre caffè e tre bicchieri d’acqua.” ordinò Gloria alla cameriera.

Quando furono di nuovo soli, Stefano si accese una Marlboro e disse: “Probabilmente non mi crederete.”

Tu prova a spiegarci che cosa ti sta succedendo.” ribatté sua sorella.

Un gruppo di turisti gli passò davanti, il marciapiede cominciava a essere affollato. Diverse persone aspettavano l’arrivo dell’autobus. Il traffico di auto e scooter scorreva lento in quella zona di Roma.

Questa notte ho fatto un sogno incredibile.” annunciò Stefano, “Uno di quei sogni che non dimenticherò per un pezzo.”

Emanuele terminò il caffè. “Tutto qui? Ti sei stranito soltanto per uno stupido sogno?” chiese incredulo.

Non era un sogno normale.” si difese Stefano, “Tu… tu dovevi esserci. Ho assistito a un incidente e ho visto morire due persone, Cristo Santo!”

Cazzate!” borbottò il collaboratore.

Conoscevi quelle persone?” chiese Gloria.

Stefano non rispose subito, perdendosi nei ricordi ancora limpidi impressi nella memoria. Non aveva ancora toccato il suo caffè, né bevuto l’acqua. Spense la sigaretta nel posacenere e guardò negli occhi Gloria: “Non credo di conoscerle, ma di una cosa ne sono sicuro: succederà questa sera, verso le undici, minuto più minuto meno.”

Dreamworld e ultime letture in corso.

mde

Ho deciso di pubblicare un post a settimana, perché è un vero peccato lasciare questo blog fermo. L’ultimo post che ho scritto s’intitola Si torna a scrivere, e da quel giorno non ho più smesso. Credo sia giusto mettervi al corrente dei passi avanti che faccio, per chi fosse interessato.

Nel 2016, Maggio per l’esattezza, avevo terminato la stesura del romanzo Dreamworld – Io, Katy e Lupo. Da allora ho scritto poco, ma ho lavorato a tre distinti romanzi: Casperia – Il male non riposa mai, Magic Warehouse – Questi mobili che magia, e Dreamworld – Sean Balducci.

In questo preciso momento, sto ultimando il primo capitolo del seguito di Dreamworld, anche se ne avevo scritti quattro per Magic Warehouse. Ho interrotto l’abbondante flusso di idee che avevo, tanto ci ritornerò in futuro. Perché? Si tratta di coerenza e priorità. A maggio Dreamworld (il primo libro) ha compiuto un anno dalla pubblicazione e sempre più lettori lo stanno apprezzando: di questo ne sono felicissimo. Privatamente mi sono arrivati messaggi con richieste sul seguito, ecco perché ho deciso di dedicare tutto il 2019, quello che ne resta, a quello successivo. Non sarà una passeggiata, i personaggi da gestire sono molti, il meccanismo dei sogni sarà più complesso, l’ambientazione sarà italiana e, per ultimo, dovrò fare delle ricerche specifiche su alcuni gruppi anti terrorismo che operano sul territorio nazionale.

Per quanto riguarda il tema scrittura per adesso mi fermo. Che cosa sto leggendo in questo periodo?

Due romanzi di genere differente.

mde

Il libraio” scritto da Silvia Benedetta Piccioli.

Edito da Lettere Animate Editore.

Ho scelto la versione digitale.

Ecco la trama:

Ebene è il protagonista di questa storia e sembra che abbia un dono. È uno psicotrasportatore: ha la capacità di far vivere i personaggi dei suoi libri.
In questo momento la sua libreria non se la passa bene, guadagna poco e il fratello del libraio (suo socio in affari), vorrebbe vendere tutto per prendersi la sua parte.

Si tratta di un fantasy che, fin dai primi capitoli, già mi sta piacendo.
I personaggi sono caratterizzati bene, per quel che si può presumere fin’ora.
Ebene, il libraio, mi ricorda un anziano stanco ma che ha un compito importante da portare a termine.
Se dovessi scegliere qualche aggettivo per descriverlo, sceglierei: intrigante, semplice e incalzante. Per adesso lo stile dell’autrice mi piace.
In seguito, a fine lettura, ve ne “parlerò” più approfonditamente.

L’altro è un romanzo di azione, guerra e un po’ Thriller.

mde

I cavalieri del Vaticano”

Scritto da Rick Jones.

Ecco la trama.

Mentre è in visita negli Stati Uniti, Papa Pio XIII viene rapito da una cellula di terroristi denominata Soldati dell’Islam. Se gli Stati Uniti e i suoi alleati non soddisferanno le loro richieste, il papa verrà ucciso.
Così, quando la Specialista dell’FBI Shari Cohen viene chiamata per rintracciare la cellula terroristica responsabile, la donna capisce di non essere l’unica. Dietro alle mura del Vaticano c’è un ordine segreto, un gruppo operativo di soldati speciali noti come i Cavalieri del Vaticano. La loro missione è riportare il papa sano e salvo.
Quando Cohen e i Cavalieri uniranno le forze scopriranno una cospirazione nella Casa Bianca che coinvolge alti membri di Capitol Hill. Quando la donna si avvicinerà alla verità sul rapimento del papa, diventerà l’obiettivo da eliminare da parte delle forze cospiratrici. Ma per arrivare a lei dovranno affrontare i Cavalieri del Vaticano.

NapoliTime seconda parte

dav

So che il 2019 mi riserverà molte sorprese, ne sono convinto anche se si tratta solo di una sensazione. Una piacevole sensazione.

Oggi voglio arricchire il blog con un nuovo post, sicuramente ricco di nuove impressioni. Già, perché il sei febbraio, un mercoledì che difficilmente dimenticherò, ho partecipato al secondo incontro del concorso letterario NapoliTime.

Ricordate? A ottobre scrissi un post di presentazione sulla sesta edizione di questo premio letterario.

https://carlofzappulla.wordpress.com/2018/10/28/napoli-time/

Quindi, mercoledì 6 febbraio, sono tornato a Napoli per proseguire l’avventura assieme a Dreamworld. In tutta la mia vita sono poche le occasioni che mi hanno spinto a viaggiare grazie alla scrittura. Perciò me le tengo strette quelle sensazioni che provo quando vivo questi incontri. Sono infinitamente intriganti per me, e mi spingono sempre a fare meglio in futuro. Sapete, i libri pubblicati e “dati in pasto ai lettori” non appartengono più all’autore, o autrice, che li ha scritti. Appartengono a tutte quelle persone che li leggeranno.

Tornando al viaggio, come al solito sono partito presto: l’incontro ha avuto la durata di tre ore circa. Ma, come la volta precedente, è stato ricco di sensazioni indescrivibili. Positive e negative, c’è stato un po’ di tutto in quel lasso di tempo. Ho provato timore e sicurezza, curiosità, felicità e anche un po’ di orgoglio, ad essere sincero.

Già, dimenticavo, questo confronto è stato programmato per far incontrare i giovani lettori – critici – e gli autori dei romanzi in concorso. I libri, già dal primo incontro, sono stati letti da molti ragazzi e ragazze, forse non ancora da tutti. Possiamo definirlo un incontro di mezzo, in cui poter domandare aspetti tecnici, oppure semplice curiosità. Tutto quello che dei giovani lettori possono essersi domandati durante la lettura dei libri.

E’ stata l’ennesima avventura che ho vissuto grazie alla passione che ho di scrivere.

La scuola che ci ha ospitati si trova in centro, fra palazzi e vie caratteristiche di Napoli. I ragazzi erano molti e ho ascoltato con curiosità le varie domande che ci hanno fatto. Tutte ben motivate e interessanti. Da ragazzo, lo dico ora che non lo sono più, mi sarebbe piaciuto partecipare ad un evento simile: leggere libri scritti da autori e, un giorno, avere la possibilità di fare domande a quelle persone che hanno scritto un romanzo interessante.

A maggio ci sarà l’ultimo incontro, sempre a Napoli, ma in un’altra scuola del capoluogo campano.

Vi terrò aggiornati.

NapoliTime

Napolitime

Venerdì 26 ottobre è iniziata una nuova avventura per me come autore e Dreamworld – Io, Katy e Lupo come romanzo ufficialmente in gara.

Ho deciso di prendermi del tempo, prima di scrivere qualcosa su questo evento. Sapete, le sensazioni, oppure le emozioni, hanno bisogno di gestazione. Spesso è controproducente scrivere le cose a caldo.

Intanto vi parlo un po’ di NapoliTime, che quest’anno è giunto alla sesta edizione. Ogni anno, più o meno prima dell’inizio dell’anno scolastico, lo staff di questo premio letterario indice un bando di gara. Questo è rivolto alle case editrici e agli autori. C’è una scheda tecnica da compilare, con domande molto precise sul romanzo, sulla trama e i personaggi, e anche sull’autore/autrice. Quest’anno è stato scelto anche il mio romanzo. E di questo ne sono davvero entusiasta.

NapoliTime2

La gara ha la durata di tutto l’anno scolastico e, i giudici e i critici, non saranno altro che i giovani lettori delle scuole che hanno aderito a questa iniziativa.

Perciò, questa gara letteraria, ha già delle basi inedite: i giovani lettori devono leggere i libri in gara e, a fine anno, dovranno scrivere delle recensioni su ciò che hanno letto. La lettura verrà vissuta in maniera differente e, forse, ancora più apprezzata. Anche gli stessi alunni e alunne ci metteranno anima e corpo a scrivere quello che pensano dei romanzi. Una sorta di sfida nella sfida.

NapoliTime non potrà che far avvicinare dei giovani alla lettura, ed invogliarli a proseguire in questa stupenda passione.

Il viaggio.

dav

Mi sono svegliato alle 6 di mattina ben consapevole che sarebbe stata una giornata bella, carica di nuove aspettative, nuovi incontri e conoscenze. Così arrivo a Stazione Termini in anticipo e mi fermo ad osservare tutta la gente che corre verso la propria meta. Chi ha già letto Dreamworld, forse ricorderà che Donovan vive uno dei suoi sogni proprio all’interno di una stazione simile. Siccome è parecchio che non sono stato in una stazione ferroviaria, mi ha fatto uno stranissimo effetto. E’ quasi impossibile spiegarlo a parole, dopo tutto sono sensazioni che ho provato scrivendo questo romanzo ed ero proprio lì, fra la gente, a mettere giù parole su quel capitolo.

Una specie di dejà vu? Forse. Potrebbe essere più che altro un ritorno al passato, mentre cercavo – capitolo dopo capitolo – di raccontare la storia di Donovan, Katy e Lupo. A volte, per scrivere, c’è bisogno di spostarsi, magari in una location simile a quella che vuoi raccontare.

Il viaggio in treno è stato tranquillo, proprio quello di cui avevo bisogno. Mi sono portato dietro il lettore Kindle e ho ricominciato a leggere il romanzo L’incubo di Hill House, di cui presto vi darò un mio parere.

dav

Giunto a Napoli, preso un taxi, sono arrivato a destinazione: una scuola. Quale miglior location per iniziare questa nuova esperienza?

L’inizio dell’evento.

I ragazzi erano tanti, più di quanto mi aspettassi, e questo è merito dell’organizzazione che ormai da anni organizza e gestisce questo intreccio di autori, opere e studenti.

Qui ritorno al fatto dell’importanza di aspettare, per non scrivere a caldo tutte quelle sensazioni che ho ricevuto quel giorno, in poche ore. Le impressioni vanno lasciate raffreddare e metabolizzare.

L’aspettativa, da quanto ho potuto sondare, montava nel tempo. I libri erano in bella vista su un lungo tavolo, anche le postazioni degli autori. Di fronte al tavolo c’erano parecchie sedie, messe quasi a semicerchio. Una sorta di teatro, in cui i personaggi principali sarebbero stati tanti, anche chi – quel giorno – non ha preso un microfono in mano per fare domande o dare risposte. In questo concorso letterario – secondo me – i veri vincitori saranno tutti quei ragazzi che si avvicineranno sempre più alla lettura. Tutti quelli metteranno da parte cellulare e internet per leggere altri libri, non solo quelli in concorso.

Tutti quelli che renderanno la loro vita più ricca di spunti, più avventurosa di qualsiasi vita si voglia o possa vivere. Perché leggere autori differenti, generi diversi, non potrà che migliorare loro stessi e le loro vite.

13 Maggio 2018

 

 

IMG_20180513_121208

Come promesso, sono tornato. Oggi è un giorno speciale, oltre ad essere La festa della mamma. Oggi è ufficialmente pubblico il mio ultimo libro e, come tutti i miei precedenti lavori, adesso dovrà cavarsela da solo, fra le mani dei futuri lettori.

Al momento sto cercando di dargli la massima visibilità, ma sto anche programmando di terminare altre storie che avevo iniziato tempo fa. Così ho deciso di dare priorità a Una banda a quattro zampe, un racconto lungo che ho già pubblicato su questo blog. Poi sarà la volta di Casperia – il male non riposa mai, un romanzo horror ambientato a Roma e nella provincia. Infine, per adesso, c’è anche il romanzo Dreamworld – Sean Balducci, di cui vi parlerò in futuro.

Già, la storia di Donovan, Katy e Lupo non finisce con il primo libro.

IMG_20180201_104017 Presto vi parlerò anche delle mie ultime letture: sia quelle che ho terminato, sia quelle in cui mi sto immergendo in questi giorni.

Che altro augurarvi? Buona lettura a tutti.