Crash – un libro da leggere

Come al solito voglio cominciare i miei post con delle scuse. So che su questo mio piccolo ma importante spazio passano sempre dei lettori, magari anche occasionali, e non vorrei pensassero che il mio blog sia morto. Assolutamente no. Non lo aggiorno spesso, anche se di materiale da leggere credo ce ne sia molto.

Ma adesso veniamo al sodo. Oggi vi parlerò di un romanzo che a me è piaciuto molto.

IMG_20180520_151707

Titolo: Crash.

L’autrice è Barbara Poscolieri.

Il genere è narrativa contemporanea.

192 pagine.

Dunwich Edizioni.

Lo si può leggere sia in digitale che in cartaceo.

Ecco di cosa parla:

Alessandro Alari è un giovane pilota romano della scuderia Speed-Y, in corsa per il titolo mondiale del Grand Race. Durante il Circuito di Roma rimane vittima di un incidente in cui perde entrambe le gambe. Il mondo dei motori è sconvolto, così come tutte le persone vicine al pilota. Solo Alessandro crede che un ritorno alle gare sia ancora possibile, con o senza gambe. Inizia quindi un percorso di accettazione e di riabilitazione, supportato dalla fidanzata Federica, dai genitori e dagli amici, con l’obiettivo di riguadagnarsi il posto che merita nella vita e in pista. Ma nel frattempo la Speed-Y ha trovato un nuovo pilota e sembra non credere nel suo recupero. La fiducia di Alessandro vacilla e anche il rapporto con Federica ne risente. Si rifugia quindi nel suo piccolo paese d’origine, dove ritrova la serenità in una vita semplice. Ma il Grand Race invoca il suo nome e, per quanto Alessandro cerchi di ignorarne il richiamo, le corse restano parte di lui.

Intanto premetto che il genere non lo leggo spesso, ma sono state la trama e le ambientazioni ad incuriosirmi. In passato ho già letto molto di questa Autrice e, forse, è un po’ come se l’avessi vista crescere, sia per lo stile, sia per come riesce a gestire i vari personaggi che ha creato.

La storia è intrigante, i protagonisti principali sono perfetti, con pregi e difetti. Ti ci affezioni sin dall’inizio. Alessandro è un pilota vincente, un uomo che è nato e cresciuto con le sfide automobilistiche, fino al giorno del suo incidente. Da quel momento in poi verremo catapultati nei giorni più cupi che abbia mai vissuto. E noi con lui.

Durante la lettura, spesso non riuscivo a staccare gli occhi dal romanzo. Questo anche grazie alla bravura di Barbara, allo stile semplice, ai personaggi che dovevano vivere questo dramma. Ed io con loro.

Alessandro dovrà ricominciare una nuova vita, dovrà combattere con la riabilitazione e poi affrontare le sue più grandi paure. E quali potrebbero essere per un pilota del Grand Race?

La storia non ruota solo attorno al pilota o su Federica, ma anche su altri personaggi minori. Per esempio il piccolo ammiratore di Alessandro mi ha colpito molto, anche lui delineato benissimo come lo sono i genitori di Alari e gli amici di infanzia.

Posso solo dirvi che, se inizierete a leggere questo romanzo, vivrete questa storia assieme ai protagonisti, fino al bellissimo finale e, una volta chiuso il libro, un po’ di Alessandro e Federica resterà con voi.