“Liberty Island”

Faro1

Eccomi qui a riempire un altro post per il mio blog, che sarebbe il primo di quest’anno. Ho intenzione di iniziare una nuova categoria, quella di libri che sto leggendo ultimamente. Non ho scritto molto in questi ultimi mesi, anche se ho sempre voglia di cominciare nuove storie, nuovi personaggi, nuove avventure…

Tranquilli, finché il mio cuore batterà, cercherò sempre di proseguire con la mia passione.

Intanto oggi vorrei aggiungere un altro breve racconto che scrissi nel 2011. Come gli altri due, sarà piuttosto divertente, almeno lo spero.

Buona lettura.

                                                                          Liberty Island

L’incontro si tenne nella residenza di Don Saryo: sull’isola di Liberty Island, a poche miglia dalla costa newyorchese.

La Statua della Libertà osservava gli uomini che si fronteggiavano.

Don Saryo era circondato dai suoi picciotti, tutti armati, tutti vestiti di nero. Giunti sull’isola con uno yacht, una lussuosa imbarcazione varata un’ora prima e chiamata Max in onore del suo cane.

Il commissario Prince, invece, aveva dovuto usare la flotta della Guardia Costiera (circa una ventina di piccoli motoscafi).

Sotto quell’enorme monumento c’erano due soli uomini – il Bene e il Male, il Crimine e la Legge – chi dei due avrebbe prevalso?

Liberty Island veniva calpestata da così tante persone, che nemmeno i turisti che l’avevano visitata potevano competervi per il numero.

Don Saryo si fermò due gradini sopra il commissario Prince e lo guardò sorridendo. Somigliava a Brad Pitt, con un corpo più statuario, fisico asciutto, sguardo intellig…

Naaa, Saryo ricordava lo sguardo dell’Angelo della Spiritualità, era qualcosa di vacuo, di indefinibile per tutta quell’erba che si fumava! Ma adesso quel pollo, ehm Angelo, stava in quel corpo perfetto, invidiabile. Destino aveva giocato un brutto scherzo al nostro Diavolo e, un giorno o l’altro, se ne sarebbe pentito.

“Qualsiasi cosa tu abbia in mente, per favore, fallo subito! Minchia, sono stanco di aspettare!” disse Prince.

Don Saryo ghignò e disse: “Il commissario ha da fare! Minchia, lo avete sentito?!?”. Un’enorme risata scaturì dalle parole del capo. Anche qualche poliziotto rise, non per la battuta, ma per paura, perché si trovavano in un territorio ostile, pericoloso, inaffidabile.

Don Saryo, il piccolo capo ma puro concentrato di cattiveria, poteva – con un solo schiocco delle dita – decretare la fine di quegli insulsi sbirri, compreso il commissario Rex…ehm Prince!

Ma il commissario era a conoscenza di questo fatto e, sapeva anche che – Don Saryo – non fosse in grado di schioccare due dita. Battere le mai si, schioccare due dita no! Ecco perché, nella sua mega villa, tutto si accende con un battere di mani (clapper), altrimenti resterebbe sempre al buio (ma questa è un’altra triste storia!).

Il commissario Prince si guardò intorno, poi si fermò con gli occhi sul suo rivale: “La tregua è compromessa!”, abbassò il tono della voce per rendere la chiacchierata più intima. “E’ Lui che mi ha mandato, dobbiamo risolvercela tra noi, e chi vincerà…”.

“Minchia!” ribatté Don Saryo portandosi una mano al mento e massaggiandoselo. “E così sono il fottuto prescelto? Colui che deciderà della sorte dei Diavoli? Colui che…”.

“Si, si, tutta quella roba là!” lo interruppe Prince.

Don Saryo alzò gli occhi al cielo e scosse la testa, sorrise compiaciuto: “Che la fottuta sfida abbia inizio!”.

Prince afferrò un braccio di Saryo, ne scaturì uno sferragliare di armi.

“Di quale minchia di sfida parli?”.

“Rapinerò una banca senza essere catturato, questo decreterà la mia vittoria!”. Salì di un gradino puntando il dito indice sul commissario: “Giocheremo a guardia e ladri!”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...